il 28.02.2007 nasce la  A.S.D. PIANO D’ORTA CALCIO

 

 

 

STORIA  DELLA  SOCIETA’  SPORTIVA  DI  CALCIO

dal 1928  al  2003

 

 

   gagliardetto

Biglietto ingresso al campo del 1954

 

 

 

Si dovrà scrivere un libro a  parte .
Tante sono le emozioni ed i ricordi che evoca la parola “pallone” nella mente dei Pianodortesi e non solo ! Ci limiteremo ad alcune immagini prese a caso nel cassetto dell’archivio calcistico . Lo sport medicina preventiva,attività culturale e sociale. Odore di uomini che s’incontrano dal vivo.

“Felicità è un bambino che corre dietro a un pallone su un prato verde”    Il calcio non smette di essere meraviglioso nonostante i doping,il nandrolone,gli scandali e le vergogne del calcio professionistico. E’ l’arte dell’imprevisto : dove meno te l’aspetti salta fuori l’impossibile ed è così che un paese di appena 700 abitanti compresi anziani, donne e bambini ,è balzato tante volte agli onori della cronaca locale per le sue imprese sportive. I più anziani ricordano lo squadrone, che travolgeva compagini di grossi centri come Avezzano,Sulmona….e allora si partiva con mezzi di fortuna,non escluso il camion e biciclette…
“olio , petrolio , benzina  minerale,

per vincere il Pianodorta ci vuol la Nazionale

perché  sul  campo  è  domatore

e  nessun  squadrone  passerà ”

era uno dei gridi di battaglia che tuonava spesso sul Campo di calcio “Montecatini”.        Un paese nel pallone , come una malattia genetica il morbo della passione calcistica si trasmette di generazione in generazione. Con il DNA non c’è nulla da fare ! e chi si è trasferito a Piano d’Orta è stato “contagiato”potenza di un paese che stimola la liberazione,di energie recondite. E così nel 1930 un pianeggiante campo agricolo divenne, nel complesso della trasformazione industriale della vallata del Pescara ,il primo campo di calcio della zona.

Insieme a tutte le altre infrastrutture nate con la fabbrica,esso costituiva un polo di attrazione per gli abitanti dei paesi limitrofi che la domenica invadevano pacificamente  il nostro piccolo centro. Ma come abbiamo scritto nella prima parte ,ci vorrebbe un libro per ricordare i dirigenti ed i calciatori di quell’epoca fino ai nostri giorni.
Possiamo dire e ricordare che la comunità Pianodortese si ribellò al tragico momento della chiusura della fabbrica “Montecatini” avvenuta il 21.luglio.1964 ,e con grande coraggio ed operosità si risvegliò dall’incubo.

Arrivarono molti giovani operai all’ENEL (altra realtà industriale del paese) specialmente dalla  Campania che stimolarono il “presidentissimo” Salvatori Franco (così viene ancora chiamato dagli sportivi) a proseguire l’impegno sportivo. Si creò un ancora prestigioso Circolo Tennis, ed inevitabilmente ripartì anche il calcio. I protagonisti della vecchia generazione , Di Gregorio Silvio, Mantovan Giuseppe ed altri, trascinarono la nuova squadra verso trionfi e vittorie con grande agonismo e sacrificio.              Dopo una pausa di non iscrizione al campionato,durata alcuni anni, ancora la febbre e la passione riprendevano il sopravvento . Si è passati dalla III° categoria dilettanti fino ad arrivare alla categoria dilettanti, coronando un sogno aspettato da troppo tempo.

Anno calcistico 2000 / 2001

“alle 16 l’Arbitro fischia !!!” è ancora la voce di Silvio (Silvino, Bricche..per i tifosi) ormai 76 anni suonati che tuona e scuote la piccola comitiva di amici seduti al bar. Ancora una lezione di serietà e di amore per questo sport . Il messaggio del  nostro “ vecchio intramontabile” ,deve essere un monito per i giovani e per coloro che credono nello sport come amore – vita . Attività culturale e sociale come medicina preventiva.

CRONOLOGIA

STORIA  del  PIANO D’ORTA CALCIO

Anno

Presidente

annotazioni

1928 1929

 

Prime partite “pioneristiche” del Piano d’Orta sul piazzale “campo fiera” del Tratturo di San Clemente a Casauria.

1930

 

Viene realizzato il Campo Sportivo Montecatini “un campo di grano con soprastante un rudere a confine con la Via Tiburtina Valeria tenuto in affitto dal colono Di Gregorio Giacomo, viene trasformato in campo di calcio”

nel 1931     Bolognano conta  2.467 abitanti

1930 1931 1932 1933 1934 1935

SARTORI

Capo Ufficio della Soc.tà Montecatini nasce la Società Sportiva di Calcio PIANO D’ORTA i più anziani ricordano il Sig. Gafforio,collaboratore societario, che con un “libro in mano” (una specie di manuale del calcio) riuscì a far segnare il campo di calcio quando nel 1931 entrò in funzione la prima formazione comprendeva i seguenti calciatori :Tucci Gaetano, Rampini Remo, Olivieri, Fanini ed un portiere originario di Tocco detto “ù Pazzitt”

nel 1936     Bolognano conta  2.558 abitanti

1936 1937 1938 1939 1940

GAFFORIO Vittorio

Capo Ufficio della Soc.tà Montecatini già collaboratore societario prende in mano le sorti della squadra

1941 1942 1943

FIORE Angelo

Cassiere della Soc.tà Montecatini  nel 1942 debutta a 18 anni, nel ruolo di portiere un ragazzo di Piano d’Orta, Mario Marulli. La partita si gioca al Campo Fiera del tratturo di San Clemente a Casauria contro una rappresentativa di militari (Genio Pontieri) che era di stanza a Torre Passeri. Tanto pubblico.  Il Piano d’Orta vince per 2-1. Una settimana dopo la sfida si ripete al “Montecatini”, il Piano d’Orta vince 4-3.

PERIODO  BELLICO   1943 - 1944 - 1945                                                                                                              nel 1943 il Segretario Politico Fascista, sig. Guido D’Angelo, per ordini superiori diede disposizione di trasformare il Campo “Montecatini” in orto di guerra. Allo scopo fece tracciare un solco con l’aratro che univa le due porte. Ci fu una vera e propria ribellione popolare e lo stesso giorno un gruppo di giovani cittadini richiuse il “famigerato” solco.                                                                                                                                                                 Negli anni ‘43/’44 Piano d’Orta viene bombardata 36 volte dagli alleati a causa della presenza della fabbrica Montecatini. Ci si allenava con partitelle a cui partecipavano i soldati che erano addetti alla sorveglianza e difesa della Centrale Elettrica e della Fabbrica. Tra questi vi erano anche giocatori di serie “A”  tra cui Ranieri e Cramarossa Nicola del Bari. Il Campo Sportivo era pieno di detriti ed una bomba era addirittura caduta al suo interno nell’angolo Nord-Ovest.  Le porte erano state smantellate come pure una parte della recinzione.

 

 

 

1945 1946

DEL MESE Enrico

Capo Centrale SME il sodalizio si chiamava Società Sportiva C.R.A.L. nasce l’inno alla squadra che faceva così :“…e il Piano d’Orta ci sa far -  è una squadra da invidiar - e sul campo è domatore - nessun squadrone ci passerà…”

1946 1947

PELLATI Aldo

Capo Ufficio della Soc.tà Montecatini verso la metà del campionato ci fu una specie di “colpo di stato” all’interno della Società che cambia nome ( A.S. ENAL) e dirigenti

1947 1948

GIANNINI  Carmine Nicola

il sodalizio si chiama ora  Associazione Sportiva E.N.A.L. si disputa il campionato 1° Divisione      per accedere alla serie “C” . Il Piano d’Orta con il Popoli accede alle finali con Lanciano e Montorio al Vomano.   ( i sei undicesimi della squadra erano atleti locali : Marulli Mario, Rampini Rolando, Di Peco Umberto,Di Gregorio Franceschino e Di Gregorio Silvio. Nella finale disputata al “Montecatini”, la partita Piano d’Orta – Montorio finisce 2-2. C’è un episodio curioso : viene assegnato un calcio di rigore contro il Piano d’Orta, la palla entra in rete all’incrocio dei pali e tra lo stupore dei presenti “brucia” circa un metro quadro di rete (è rimasta memorabile la frase gridata dal Sig. Fiore Angelo “Tucci lo spago!”) la partita viene sospesa per la riparazione.          Il torneo viene vinto dal Montorio, a cui bastava il pareggio,il Piano d’Orta è secondo, il Lanciano terzo e Popoli quarto

 

 

 

1948 – 1949

È un momento di stallo per il calcio Pianodortese. Ci sono le votazioni politiche, battaglie elettorali, le persone a gruppi si dividono,ci sono grandi scioperi all’interno della fabbrica Montecatini (viene saldato per protesta dagli operai, un vagone ferroviario sulle rotaie che attraversano la Tiburtina Valeria, interviene la polizia politica e la celere). Le tensioni sociali,politiche ed economiche fanno si che nessuno pensi alla squadra di calcio. I giocatori vengono richiesti da altre squadre :                                                   Marulli Mario e Rampini Rolando vanno al “Tocco” ; Di Rico Silvio, Di Gregorio Silvio e Francesco, vanno a “Raiano”; D’Agostino passa alla Salernitana; Mazza passa al Canicattì (Sicilia) ; Spada passa all’Atessa come giocatore e allenatore.

 

 

 

1950 1951 1952 1953

VENTRESCA

Direttore Soc.tà Montecatini “a furor di popolo” richiama i giocatori e riprende in mano la Società di Calcio che prende il nome di A.S. PIANO D’ORTA si iscrive al girone montano con squadre del calibro del Sulmona, Raiano, Popoli, Pratola, Tagliacozzo, Ferrovieri di Sulmona ; con arbitri del calibro di Monti di Ancona arrivato poi in  Serie “A”. Fu il campionato in cui accadde il fattaccio con la partita disputata sul Campo Montecatini il 19.03.1950 contro il Sulmona. Allenatore del Piano d’Orta è D’Albenzio , Arbitro   Di Pietro di Chieti. Durante la partita vennero espulsi due giocatori uno per parte (Di Gregorio Silvio per il Piano d’Orta). Il Sulmona vinse per 3-0 ed a fine partita successe il finimondo. Una miriade di persone invasero il campo di calcio, ci furono tafferugli, botte e azioni pugilistiche. Tutti i giocatori del Sulmona con i dirigenti furono picchiati e trasportati poi agli Ospedali di  Popoli  e Sulmona. L’arbitro si rifugiò in  una stanza all’interno del “dopolavoro” con i dirigenti del Piano d’Orta.Il giorno dopo, l’increscioso fatto, insieme a quelli di Fiumicino e Milano, finì sulle  pagine sportive nazionali , i giornali titolarono :“Piano d’Orta, Fiumicino e Milano: sangue e arena” il campo viene squalificato per due anni, il giocatore Di Gregorio Silvio per cinque anni (poi ridotti) ed una multa salata alla Società di Calcio.

1953 1954

ACCETTA

Capo Ufficio Società Montecatini il sodalizio cambia il nome in VIRTUS PIANO D’ORTA vengono acquistati nuovi giocatori :Di Francesco originario di Alanno e proveniente dal Teramo e Di Michele.Per partecipare al Campionato di promozione, ci sono varie problematiche da risolvere. Per gli spogliatoi vengono usati alcuni locali del “dopolavoro”, mentre per le “docce” si usavano quelle presenti all’interno della fabbrica Montecatini (con permesso scritto di volta in volta del Direttore). Il campo di gioco era allora di  mt. 90x45, mentre il nuovo regolamento prevedeva misure minime di mt.100x50 e per le porte mt.7,24x2,46, recinto con rete metallica e non più con il solo filo di ferro. Tutti si misero al lavoro  e finalmente tutto fu pronto per partecipare al   Campionato di Promozione.

1954  – 1955

Per mancanza di fondi si cerca di realizzare la fusione con la squadra di Calcio della Torrese. Dopo varie vicissitudini, legate specialmente al nome da dare alla nuova squadra, viene raggiunto l’accordo nella casa dell’Avvocato Pace, la nuova Società si chiamer   TORREPIANO

Il primo presidente è il Signor DI NICOLANTONIO Natale                                                                                           suo successore sarà il Dott. VOLPE Giuseppe

Con la fusione delle Società e dei rispettivi giocatori, si organizzò una grande squadra che si aggiudicò il relativo campionato vincendo la finale a Giulianova. Sembrava che tutto funzionasse ed invece venne il momento che i giocatori tornarono nelle rispettive Società.Si ricominciò ognuno per proprio conto, ma tutte e due le squadre giocavano al Montecatini ed ognuna aveva un proprio custode ecc.  in quanto la Torrese non aveva ancora il Campo.

il  29.12.1955  viene  inaugurato lo Stadio Adriatico di Pescara

1955 1956 1957 1958

ACCETTA

Rinasce la VIRTUS PIANO D’ORTA che viene affidata all’allenatore Armando Viotto (ex Juventus), vince alla grande il proprio girone e sfida l’Ortona per  l’accesso alla serie “C”.Perde con l’Ortona la bella disputata allo Stadio Adriatico per 4-2.  Nella stagione 1957 / '58 la Virtus Piano d'Orta vince la Coppa Disciplina del Campionato Dilettanti.

1958 1959 1960 1961 1962

DE COLA Antonio

Insieme a quello del 1947,questo rimane il periodo d’oro del Calcio a Piano d’Orta.  Nel campionato 1959-’60 il Piano d’Orta vince il Girone Montano e si gioca con l’Ortona (vincitrice del Girone Marino) l’accesso alla 4° Serie. Andata : La partita di andata al Montecatini finisce 4-1 per il Piano d’Orta, nella partita di ritorno l’Ortona vince 1-0. La finale si gioca all’Adriatico di Pescara; l’Ortona riesce a vincere per  3 – 2 (con qualche polemica). La rosa dei giocatori in quel periodo è  fornata da : Del Monaco, Palestini, Ranalli, Massacesi, Marcone, Mantovan Giuseppe, Agnelli, Di Marco,  Di Gregorio Silvio, Finizio, Di Pietrantonio, Delli Rocili, Di Francesco, Del Pizzo, Di Michele.Sei di questi giocatori, :                                                                                                                                                  (Del Monaco,Palestini,Ranalli,Massacesi,Mantovan e Di Marco) nel 1961 vengono selezionati dalla Lega Calcio per rappresentare l’Abruzzo al  “Trofeo Zanetti” che si svolge a Roma. L’Abruzzo perde la finale per 1- 0 contro il Lazio. In quell’occasione il Presidente della Fiorentina Calcio Sig. Enrico Befani regala un “piatto in argento” al presidente De Cola per i risultati raggiunti dal Piano d’Orta Calcio.

Il PIANO D’ORTA viene riconosciuto “grande” a livello Provinciale e Regionale tant’è che si riesce ad organizzare a Piano d’Orta una partita di calcio in notturna per la prima volta in Abruzzo, contro     il Pescara dell’allenatore Tontodonati, che milita    in Serie “C”.

Nessuno credeva a questo evento, sembrava impossibile. Eppure grazie al Direttore ed agli operai della S.M.E. (oggi Enel), furono posizionati   i cavi elettrici con pali che sorreggevano potenti lampade ed il campo fu illuminato a giorno.                                                                          Il Piano d’Orta in quell’occasione si rinforzò con due elementi del Sulmona, Di Pietro e Di Cesare, l’arbitro era il signor De Angelis di Bussi sul Tirino.                                                              Il campo Montecatini era strapieno ed alla presenza delle autorità e dei dirigenti del Pescara, il Piano d’Orta vinse 2-1.

Dopo qualche tempo fu ripetuta una partita notturna sul “Montecatini”, con il Chieti .                 Il Piano d’Orta alla fine del 1° tempo vince per 1-0,  il Chieti inspiegabilmente non disputa il 2° tempo. In quel periodo viene ingaggiato il portiere Cantagallo un ragazzo che veniva dal quartiere Zanni di Pescara. Dopo alcuni splendidi campionati col Piano d’Orta viene richiesto dalla Società di Calcio SPAL che milita in serie “A”.                                                                        Le trattative si concludono col passaggio di Cantagallo alla SPAL per la somma di £.1.600.000. Vengono richiesti pure Mantovan e Massacesi, ma per questioni economiche non viene raggiunto un accordo soddisfacente tra le due società (peccato!)                                                                     Col ricavato si acquistarono altri giocatori, arrivarono : Verlingeri, i fratelli Magli.

1962 1963 1964

MARRAMA Adriano

Allenatore era Tanino Laporta (ex Pescara)

 

 

 

Periodo di pausa

La fabbrica chimica, “cuore e motore” del Paese, che era nata nel 1900 ad opera della “ S.I.E.V (Società Italiana di Elettrochimica Volta) ”, trasformatasi dopo varie vicissitudini in “Montecatini”,                               nel 1965 chiude definitivamente. C’è un periodo di stallo in tutte le attività, ma la voglia di ricominciare a respirare aria nuova, arriva proprio dal calcio. Il paese di nuovo si unisce attorno alla squadra del Piano d’Orta che sta per rinascere.

1968 1969 1970 1971 1972 1973 1974 1975 1976 1977

SALVATORI Franco

Si riparte, con il Presidentissimo, nasce la  U.S. PIANO D’ORTA

Rinasce la voglia di ricominciare, e lo Sport diventa il collante della comunità che ritrova oltre che una squadra di Calcio, anche un Circolo Tennis. Tutti sono coinvolti, specialmente i giovani che hanno solo sentito parlare del Grande Piano d’Orta

Il Piano d’Orta torna alla grande sul palcoscenico calcistico provinciale. Nel 1968/’69 l’infaticabile Di Gregorio Silvio (classe 1925) riuscì a coinvolgere un manipolo di ragazzini, tornò lui stesso a calzare le scarpette bullonate e si riprese dal gradino più basso : la 3° categoria .                                       Nel 1969/’70 fu un 2° posto e nel 1970/’71 la sospirata promozione in 2° Categoria. Dal 1971 al 1973 la squadra venne affidata  ad un prestigioso allenatore : Farnese Masoni (ex Napoli) Nel 1973/’74 fu affidata a Sinibaldi e rimase in seconda categoria,                    Nel 1974/’75 la squadra partecipa al Campionato di 2° categoria girone “C” .                                                                                      Il 17.11.1975 al “Montecatini” era ospite il  Loreto Aprutinio  che vince 1- 0, a fine partita negli spogliatoi viene malmenato l’arbitro, il Campo viene squalificato fino al 31.12.1975  ed alla società viene comminata una cospicua ammenda . Dopo questa “stangata” comincia il declino. Solamente l’intervento e la passione di alcuni volenterosi  (Di Gregorio Silvio, Mantovan Giuseppe, Trabucco Enzo e Sarmiento Nicola)   salva per il momento il Calcio a Piano d’Orta.  Nel 1975/’76 la squadra partecipa al Campionato di 2° categoria girone “B” . Nel 1976/’77 partecipa al Campionato di  3° categoria (fu un campionato travagliato da infortuni e squalifiche, costellato da arbitraggi pessimi “da ricordare un ineffabile arbitro Tieri che fu costretto a fuggire lungo la ferrovia per rifugiarsi nella vicina caserma dei Carabinieri”. A causa di questo episodio il Campo venne squalificato per alcuni anni.

15.05.1980    nasce la Pro-Loco di Piano d'Orta

 

Periodo di pausa

 

10.07.1986    Nella notte tra il 9 ed il 10 luglio, viene "smantellata" -CHIUSA- la Caserma dei Carabinieri (comandante era il Maresciallo Giancarlo Cipolletti)

1986 1987

DELLE LENTI Daniele

nasce la Società Sportiva Piano d’Orta che partecipa al  campionato di 3° Categoria girone “C” si gioca sul Campo Sportivo Comunale di Madonna del Monte “Vincenzo Marulli”,in quanto il Campo “Montecatini” è inagibile. A causa di varie vicissitudini, nel mese  di Dicembre 1987 si dimette il Presidente Delle Lenti

1987 1988 1989 1990

DE SANCTIS Dino

il 27.12.1987 si ricostituisce  la Società Sportiva Calcio Piano d'Orta ad opera dei seguenti soci fondatori : Bucci Lido, De Sanctis Dino, Di Amico Antonio,    Di Gregorio Silvio, Di Matteo Raffaele, D’Orazio Antonio, Furlone Sandro,Marulli Gianni, Legnini Ennio, Marulli Franco, Mantovan Giuseppe, Nota Dionisio Antonio,  a cui si aggiungeranno Di Amico Gabriele e Spera Giovanni. La squadra si iscrive al Campionato  3° Categoria girone “C” '87/'88  allenatore Di Gregorio Silvio  La squadra ottiene 12 vittorie ,10 pareggi e  6 sconfitte.Nell’agosto del 1988 vengono eseguiti numerosi lavori al Campo Montecatini per renderlo agibile. (rifacimento della recinzione, sistemazione terreno di gioco e spogliatoi, parziale illuminazione, ecc.). In data 02.10.1988 viene inaugurato di nuovo il Campo di Calcio. Si gioca con A.C. Atletico Cugnoli,  il Piano d’Orta vince 2 - 1

11.04.1990  si gioca al Montecatini una partita amichevole con il Pescara Calcio (serie “A”) che vince per  6 - 0

17.09.1990  Nasce l'Associazione Culturale "ALBACHIARA" che darà vita all'omonima RADIO PRIVATA  (che tanta fortuna porterà alla squadra di calcio). La Radio trasmetterà i suoi programmi fino al 1998 in FM  sui 99.5 Mhz da Madonna del Monte.

1990 1991

MARULLI Giovanni

Campionato 3° categ.ottiene 11 vittorie, 8 pareggi, 1 sconfitta.   Allenatore Franco Tatangelo. Prima in classifica ex aequo con il Michetti di Tocco le compagini passano in  2° Categoria girone "A"

1991 1992

D’AGOSTINO Antonio

Campionato 2° Categoria  La squadra è sempre ai primi posti si classifica seconda il Presidente è dimissionario in data 21.07.’92

1992  nasce a Piano d’Orta il CLUB BIANCAZZURRO “PIERA FEDELE”  affiliato alla Pescara Calcio spa,

1992 1993 1994

NOTA Dionisio Antonio

Campionato 2° Categoria - girone "C" - allenatore Franco Tatangelo la squadra si classifica al Primo posto e passa in Prima categoria, era il 27.03.1994 , l'ultima di campionato si disputava al "Montecatini" ed il Piano d'Orta già matematicamente Promosso, perde in casa 1- 0 con               l' Ariete'72

1994 1995 1996

MARTINELLI Domenico

In queste annate calcistiche la S.S. Piano d'Orta partecipa inoltre ai campionati : Amatoriale, Juniores Prov.le, Giovanissimi, Primi Calci con una propria scuola calcio.

12.09.1996   amichevole di calcio al “Montecatini”con il Castel di Sangro (serie “B”) che vinc per  8 - 0

1996 1997 1998

MARULLI Giovanni

Il Piano d’Orta si distingue anche in 1° categoria  nel campionato 96/97 è seconda classificata per la Coppa disciplina.

1998 1999 2000 2001 2002 2003

DE SANCTIS Dino

è l’ultimo Presidente del PIANO D’ORTA CALCIO nei campionati 2001/2002 e 2002/2003 la squadra è  in 2° Categoria Girone “C”

ANNO 2003 dalla fusione della S.S.Piano d'Orta con la A.S. Bolognano, nasce  la Società Sportiva  di  Calcio                                        A.S.D. VALLE DELL’ORTA

 

 

il “testimone” (la Bandiera) del Calcio Pianodortese è ancora in buone mani ……ecco

L’ ULTIMA  BANDIERA

NOTA  FILIPPO    nato a Chieti il 26.05.1963

Nel 1977, a 14 anni viene tesserato con il NAGC RIVER 65 di Chieti Scalo, dove resta fino al 1980, giocando nelle categorie giovanili. Nella stagione sportiva 1980/’81 approda in 2^ Categoria a Torre Passeri. Nel 1981, viene acquistato dalla Società “FILENO” di Bolognano, allenata dal mister Mantovan Giuseppe. Dopo cinque stagioni a Bolognano, nel 1986 non appena “ritorna” il Calcio nella sua PianoOrta, viene ceduto in prestito alla nuova Società Sportita PIANO D’ORTA  allenata dai mister Di Gregorio Silvio e Mantovan Giuseppe. Nel 1987, insieme al suo compagno di squadra , Di Rico Mauro, è di nuovo nel      RIVER 65 in 1^ Categoria. Dal Campionato 1988/’89 fino a quello del  2001/’02 indossa la maglia azzurra del PIANO D’ORTA. Vince due campionati, nel 1990/’91 e nel 1993/’94,                          conquistando la 1^ Categoria. Con il PIANO D’ORTA colleziona ben 436 (quattrocentotrentasei) partite, realizzando 65 (sessantacinque) goal.                                                               E’ il calciatore che vanta il maggior numero di presenze di tutti i tempi con il PIANO D’ORTA. Nel 1997 consegue la Licenza di Abilitazione a Istruttore Giovani Calciatori , e nel 1998 si Diploma Allenatore di Base “UEFA”. Nella stagione sportiva 2002/’03 gli viene affidata la “sua” PIANO D’ORTA, in 2^ categoria, classificandosi al  7° posto. E’ l’ultimo allenatore della            S.S. PIANO D’ORTA . Nel 2003/’04 guida la nuova Società di Calcio “Valle dell’Orta” nata dalla fusione delle Società del  Piano d’Orta e Bolognano, si classifica all’ 8° posto. Nella stagione 2004/’05 si dimette all’8^ giornata di andata. Attualmente “anno 2006” (dopo 25 anni), è di nuovo alla Torrese Calcio in veste di Allenatore nel Campionato di 3^ Categoria che vince con una giornata di anticipo, passando in 2° Categoria.

 

DOCUMENTI  STORICI

    tessera Società A.S. ENAL del 1947

  S.S. VIRTUS TORREPIANO 

Dal Giornale  “ IL Messaggero dell’Abruzzo “ di sabato 20.03.1954 In un articolo relativo alle omologazioni delle gare del 14.03.1954, apprendiamo che il Piano d’Orta militante nel Campionato Dilettante di 1° Divisione  aveva perso per 1-0 con il Tagliacozzo, in casa!. Inoltre dallo stesso articolo rileviamo che le compagini partecipanti a tale campionato erano : Piano d’Orta, Tagliacozzo, S.Egidio, Pro Vasto, Acli Teramo, Fiamma Pescara, Atessa, Casoli, Roseto, Loreto, Castel di Sangro, Corfinio, Avezzano, Vulcan Boys (Popoli), Oratoriana, Villalago.

Stagione 1960 / '61 la rosa del Piano d'Orta che militava nel girone B (montano) di Prima Categoria, era composta : Di Francesco, Mantovan, Massacesi, Ranalli, Di Gregorio Silvio, Di Marco,Pietrantonio, Delli Rocili, Cantagallo (portiere che poi sarà venduto alla SPAL militante in seria A), Esposito, Di Michele, Morelli, Agnelli, Del Pizzo, Marcone - allenatore Guadagnoli - (altre squadre partecipanti al campionato: Torrese - Nike - Trasacco - Scafa - Oratoriana  ed altre...)

FOTO  STORICHE

dalla foto sottostante si notano arretrati i capannoni della fabbrica Montecatini                                                                   foto del 1957  e del 1960

Compagine della Virtus PIANO D'ORTA degli anni 50

Compagine della S.S. Piano d'Orta del 1987

In piedi da Sinistra : Allenatore Di Gregorio Silvio,Di Rico Alessandro,Di Battista Antonino,Di Gregorio Massimo,Rapposelli Fabrizio,Marrama Adriano,Di Rico Mauro,Di Gregorio Claudio,Sarmiento Claudio,DiGregorio Remo. Accosciati da sinistra:Porrini Mauro, Porrini Carlo,Delle Lenti Daniele,Nota Filippo,Cicchelli Gabriele,Cappola Antonio, Marulli Franco.

 

Tre generazioni di portieri del "vecchio" Piano d'Orta , da sin. : Cantagallo (che venne venduto dal Piano d'Orta alla SPAL che militava in Serie "A" , Marulli Mario e Del Monaco (il quarto era il massaggiatore detto "scellone" per la sua altezza)

il Piano d'Orta nel 1953 , in piedi da sin : il Sindaco Tieri Giovanni,Di Pietrantonio,Mantovan,Massacesi,Di Francesco,Di Michele,Assetta,(il Presidente De Cola),(l'allenatore Viotto); accosciati da sin : Di Marco,Delli Rocili,Tattonetti,Ranalli,Del Pizzo.

 il Piano d'Orta nel 1957, in piedi da sin: Di Gregorio Francesco (cassiere),Grossi Asmaro (dirigente),Palestini,Marcone,Agnelli,Tieri Giovanni (Sindaco),Di Gregorio Silvio, Del Monaco,Verlingeri,De Cola Antonio (Presidente),Ciafardini Michele (dirigente -è stato Deputato della Repubblica Italiana-) ; accosciati : Fanini Eliseo (massaggiatore), Ranalli, Mantovan Giuseppe, Massacesi, Di Nisio, Ferrone

 

 

 

CURIOSITA'

AREA DEL CAMPO MONTECATINI : Negli anni 1938/'39/'40 (PERIODO FASCISTA) dove oggi sono ubicati gli spogliatoi, era stata realizzata una palestra all'aperto. Vi erano dei pali infissi al suolo con montate traverse in legno per gli anelli,fune,trapezio e barra ginnica. Nell'area occupata attualmente dal campo da tennis, vi erano due campi di bocce dove si svolgevano tornei anche provinciali. Nello spazio attualmente riservato al pubblico (lato ferrovia) era stato predisposto un "percorso di guerra". Gli spogliatoi erano stati ricavati al Piano Terra dell'attuale abitazione della Signora D'Ascanio

 

 

Piano d’Orta Calcio

ALLENATORI  e  CLASSIFICA

dal 1970  al 2003

ANNO

CAT

CLASSIFICA

ALLENATORE

70 - 71

3

11°  (ultimo)           5  punti penalizzazione

Di Gregorio Silvio

71 - 72

3

   posto

Farnese Masoni

72 - 73

3

   posto

Farnese Masoni

73 - 74

2

12°  (terzultimo)

Sinibaldi

74 - 75

2

12°  (terzultimo)

Sinibaldi

75 - 76

2

13°  (penultimo) campo squalificato

Di Gregorio Silvio              Mantovan Giuseppe

76 - 77

3

  (terzultimo)

campo squalificato    2  punti penalizzazione

Di Gregorio Silvio              Mantovan Giuseppe

periodo di pausa

86 - 87

3

   posto

Di Gregorio Silvio                             Mantovan Giuseppe

87- 88

3

14°  (penultimo)    1  punto penalizzazione

Di Gregorio Silvio                   Mantovan Giuseppe

88 - 89

3

    posto

Di Gregorio Silvio          Mantovan Giuseppe

89 - 90

3

    posto

Sarmiento Claudio               (dalla 13^ di andata                    Di Gregorio Silvio e               Nota Filippo)

90 - 91

3

1° posto spareggio

Tatangelo Franco

91 - 92

2

   posto

Tatangelo Franco

92 - 93

2

   posto

Tatangelo Franco

93 - 94

2

   posto

Tatangelo Franco

94 - 95

1

   posto

Tatangelo Franco

95 - 96

1

10° posto

Mirto Romano                                                           (dalla 25^ giornata        Tatangelo Franco)

96 - 97

1

   posto

Tatangelo Franco

97 - 98

1

15° posto retrocessa

Chiacchia Croce

98 - 99

2

   posto

Claudio Magnalardo

99 - 00

2

   posto

Claudio Magnalardo

00 - 01

2

Play-out salvezza

Salvo Pettinella                  (dalla 27^ Claudio Magnalardo)

01 - 02

2

   posto

Di Giovanni Tonino

02 - 03

2

   posto

Filippo Nota

 

 

Il gioco del calcetto ( che oggi, giocato un po’ dappertutto, ha perso molto del suo fascino iniziale)      è stato importato da Pescara dall’allora Presidente Franco Salvatori e giocato per la prima volta nella nostra zona a Piano d’Orta nel lontano 1972.   Sul Campo da Tennis del Circolo Tennis di Piano d’Orta si affrontavano nelle calde serate estive le squadre dei diversi paesi che confluivano a Piano d’Orta per contendersi l’ambito Trofeo messo in palio.  Chi non ricorda le squadre locali con i nomi più disparati  :   KiKì , i Figli di Manuel, i Diablos , La Banda del Formicaio, Settembre Nero,  A 14 Terraioli                                                                                                Ogni sera era una festa“paesana”.  Da una idea di Sarmiento Nicola qualche anno dopo venne addirittura giocato  il Paw-ball, una specie di tennis giocato con pallone da calcio da cinque giocatori contro cinque  posizionati nei rispettivi settori  del campo da tennis.  Vinsero i ragazzi di Piano d’Orta ( Di Gregorio Remo,   Di Gregorio Claudio, Cappola Antonio, Marulli Franco, Porrini Carlo, Chiacchia Croce e Di Gregorio Giuseppe)  che riuscirono a battere, nell’accesa finale, per  Tre set a Zero la favorita squadra  di Torre Passeri.

 

 

e già questo vi fa capire molto sulla collezionee di questo ne sono certa Spaccio Aziendale Woolrich W.Edunque Woolrich Outlet Bologna Sito realizzata dall’occhio dietro la camera di Inez van Lamsweerde e Vinoodh Matadin.Qualcosa che ha a che fare con il calore famigliarekardashian kollection Collezione Woolrich Inverno 2014 su Twitter pur di far parlare di sè.Dopo Elisabetta Canalis e Melissa Sattaper quanto riguarda l’aspetto “look” Negozi Woolrich Torino con un leggero scollo a ‘V’ sul davantisicuramente più armonica e sfruttabile in ogni occasione.Al di là di tutto vediamo però i modelli proposti da Prada che sono Collezione Woolrich Inverno 2014 in occasione dell’incontro con Michelle Obamamolto anni ‘50-’60